Kit pulizia impianti fotovoltaici

Kit pulizia impianti fotovoltaici – Promozione 2016

STAGIONE 2016 / KIT PULIZIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Prodotti e kit per la pulizia di impianti solari fotovoltaici domestici e professionali, ecco la nostra selezione di kit in promozione:

Guardate anche il nostro video promozionale:

Prodotti e kit pulizia impianti fotovoltaici per una profonda ed accurata pulizia e manutenzione dei pannelli solari negli impianti sia privati sia industriali.

La pulizia dei pannelli solari fotovoltaici è fondamentale perché gli agenti atmosferici comportano un graduale abbassamento della ricettività dei pannelli. Molti sottovalutano il problema, ma chi opera nel settore lo sa e deve sempre consigliare al meglio il proprio cliente. Per questo Helios Solutions propone kit pulizia impianti fotovoltaici sia ad uso domestico sia ad uso professionale.

I nostri kit sono stati realizzati grazie alla pluriennale esperienza del nostro staff. Scegliere Helios Solutions significa avere la sicurezza di operare con un partner che saprà proporvi prodotti e le soluzioni d’avanguardia. Da più di 15 anni operiamo in questo mercato, una garanzia di qualità rispetto a ciò che proponiamo online.

Luglio 2015: prodotti in offerta!

Ecco l’atteso elenco dei prodotti che troverete in offerta per tutto il mese di luglio:

8467_hsrl versione 2.0 foto 2_bigIdrospazzola rotante grandi superfici:
2.286,59 € invece di 2.690,10 €
Consegna gratuita!

 

 

8497_80cmparaspruzzi-2_bigIdrospazzola rotante 80 cm:
1.711,05 € invece di 2.013,00 €
Consegna gratuita!

 

 

8495_KIT HSR_bigKIT HSR:
2.770,67 € invece di 2.916,50 €
Consegna gratuita!

 

 

8543_hsrl6 ok1.JPG_bigSpazzola idrocinetica 60 cm:
1.367,01 € invece di 1.647,00 €
Consegna gratuita!

 

 

Affrettatevi, non perdete le occasioni di Helios Solutions!

Fotovoltaico: che aria tira in Italia?

16,74 MW a gennaio, 21,49 MW a febbraio, 21,11 MW a marzo e 18,77 MW ad aprile. Sono questi i dati relativi ai primi quattro mesi del 2015 relativi alla potenza totale connessa in Italia, forniti da ANIE Rinnovabili, che ha rielaborato i dati Gaudì.
Non c’è da stare tranquilli dunque. Se si paragonano i primi quattro mesi del 2014 con gli attuali, si nota una diminuzione di circa il 50%, quando già lo scorso anno si era registrato un ulteriore un calo di oltre il 70% rispetto al 2013.
Alberto Pinori, vicepresidente di ANIE Rinnovabili, commenta così: “Quello che preoccupa maggiormente sono le connessioni di marzo e soprattutto aprile, che avrebbero potuto avvantaggiarsi delle positive condizioni meteorologiche. Anche in questi due mesi le connessioni sono state in linea con gennaio e febbraio 2015, il che è allarmante”.

Guardando più nel dettaglio le nuove installazioni di impianti fotovoltaici è la Lombardia ad avere il primato nazionale con 11,91 MW nei primi 4 mesi del 2015. Seguono l’Emilia Romagna con 11,60 MW e il Veneto con 10,04 MW.
Male invece la Basilicata, che ha installato appena 0,33 MW, il Molise, che ha aggiunto 0,40 MW, e la Valle d’Aosta, a quota 0,14 MW. “Se il trend non migliorerà – continua Pinori – dobbiamo riconoscere che il mercato si attesterà sui 250 MW valore ben lontano dai 500 MW previsti nei forecast di vari consulenti del settore e dai 400 MW circa connessi nel 2014. Un dato veramente troppo contenuto anche per chiamarsi mercato“. La relazione di ANIE Rinnovabili mostra infine il consolidamento degli impianti di media e piccola taglia per quanto riguarda le classi di potenza, ossia di impianti di potenza compresa tra 3 e 6 kW con una potenza installata pari a 30,52 MW.

Celle fotovoltaiche in 3D ad alto rendimento

In occasione della World Conference of Science Journalists di Seul è stato presentato un progetto relativo alla realizzazione di celle fotovoltaiche con speciali stampanti in 3D. L’obiettivo è quello di portare energia pulita nelle zone rurali e povere del pianeta. Ad oggi sono infatti circa 1,3 miliardi le persone che vivono ancora senza elettricità.
I vantaggi del nuovo progetto vanno dai costi all’efficienza energetica, al trasporto dei dispositivi. Le celle in 3D non sono una novità, dato che già nel 2013 la statunitense Solar3D aveva reso noto un tipo di solare a concentrazione definito “a tre dimensioni”, capace di migliorare l’incidenza della luce solare sulla cella fotovoltaica durante le ore giornaliere, grazie a celle più piccole e flessibili.
La novità apportata dai ricercatori di Seul sta nell’elevata efficienza delle celle solari stampate in 3D e nel materiale di cui sono composte: la perovskite. Si tratta di un cristallo che garantisce infatti ampi risultati, al contrario delle attuali tecnologie usate dai pannelli a base di silicio, che per funzionare richiedono una grande quantità di luce solare.
Questa nuova soluzione ha tuttavia dei limiti non trascurabili. In primo luogo la forte suscettibilità dei “fogli” solari all’umidità inoltre, nonostante i costi di produzione risultino inferiori rispetto ai pannelli standard, mancano i capitali da investire in nuove stampanti 3D industriali perfezionate. Un altro limite è dato dalla mancanza di una rete di distribuzione che consenta l’accesso alla tecnologia per le zone più remote del pianeta.
In tema di economicità del nuovo sistema, Jim Nelson, CEO di Solar3D, ha affermato: “Il prototipo originale ha ecceduto le nostre aspettative, ma questo nuovo sarà anche meglio. Il prezzo scenderà e la potenza salirà…
E’ giunta l’ora di un un nuovo “crack” tecnologico?

Approfondimento: i progressi del fotovoltaico

Celle in Silicio Nero
Celle in Silicio Nero
Fonte focus.it

Grazie alle celle in Silicio Nero è stato raggiunto un nuovo record di efficienza pari al 22%

Un lavoro condotto dall’Università di Aalto (Finlandia) e dal Politecnico della Catalogna (Spagna) ha permesso di ottenere un significativo progresso nel rendimento delle celle fotovoltaiche in silicio nero, che ora possono vantare rendimenti del 22%, quattro punti in più dei precedenti risultati e un paio in più dei rendimenti più alti delle migliori celle fotovoltaiche in commercio.

Qui l’articolo completo.

Oggi la migliore soluzione per mantenere al top il rendimento del nostro impianto fotovoltaico rimane un’attenta e costante pulizia. Scopri tutte le soluzioni, che mette a disposizione Helios Solutions, per la pulizia fotovoltaico.

Conosciamo meglio il Kit Base Asta + Spazzola 40 Cm

Kit pulizia impianto fotovoltaico
Kit Base Asta + Spazzola 40 Cm

Un interessante e pratico strumento per la pulizia del proprio impianto fotovoltaico è il Kit Base Asta con spazzola da 40 cm di Helios Solutions. Pensato per piccole apparecchiature, il kit comprende un’asta in fibra di vetro unger telescopica da 2,8 m con adattatore angolare e la possibilità di abbinare vari filtri per la demineralizzazione dell’acqua. L’asta telescopica in vetroresina è composta da due sezioni ed è assemblata con sistemi di blocco e di sganciamento di tipo rapido a leva.

Questa tipologia è particolarmente adatta al lavaggio di vetrate e di pannelli sia solari che fotovoltaici grazie alla tecnica dell’acqua depurata e/o con erogatore di detergente. Tutti i componenti sono realizzati in materiale di elevata qualità altamente leggero e resistente. La spazzola da 40 cm con setole compatte, appositamente studiata per la pulizia dei pannelli fotovoltaici solari e vetrate, è prodotta in Germania ed è abbinabile solo a sistemi Unger a bassa pressione.

Conosciamo meglio l’asta telescopica in fibra di carbonio 66,3 M

I sistemi di lavaggio ad alta pressione hanno come obiettivo quello di mantenere puliti i moduli fotovoltaici evitandone al contempo il surriscaldamento delle loro celle. Ciò di fatto comporta un aumento considerevole della produzione dell’impianto.

Le vetrate esterne dei pannelli fotovoltaici si sporcano a causa di insetti, uccelli, terra portata dal vento, pioggia, ecc, pertanto la pulizia dei pannelli solari, prima o dopo, diventa una necessità inevitabile. Attendere troppo tempo prima di intervenire infatti potrebbe essere deleterio e controproducente.

Uno strumento indispensabile diventa quindi l’asta telescopica in fibra di carbonio di Helios Solutions, leggera grazie a un peso di soli 1,8 kg e adatta ad usi intensivi. La sua estensione prevede una lunghezza minima di 1,80 m per una lunghezza massima di 6,3 m grazie a quattro sezioni. E’ prevista inoltre di attacchi rapidi per l’idropulitrice.

Il fotovoltaico soddisfa oltre l’1% del fabbisogno mondiale

grafico_produzione_lorda_energia_elettrica

Secondo i dati riportati dal Photovoltaic Power Systems Programme (PVPS) dell’Iea, ovvero il programma sul solare dell’Agenzia internazionale per l’energia, lo scorso anno il fotovoltaico ha soddisfatto oltre l’1% del fabbisogno mondiale di elettricità. Un risultato assolutamente importante, aldilà delle più rosee previsioni.

Nella prefazione del rapporto, a firma di Stefan Nowak, presidente di IEA PVPS, si legge che lo scorso anno sono stati installati altri 40 GW di potenza da fotovoltaico, portando il totale a 180 GW.

“Assieme a questa importante crescita del mercato, il fotovoltaico ha guadagnato in competitività ed è diventato una delle opzioni più economiche tra le rinnovabili, con LCOE che nei migliori casi scendono sotto gli 0,06 US$/kWh. Anche se la percentuale dell’1% può ancora apparire come piccola” prosegue Nowak “essa rappresenta un enorme sviluppo negli ultimi anni, molto più veloce di quanto tutte le previsioni avessero ipotizzato”.

Contestualmente alla crescita della distribuzione del fotovoltaico, il documento ha sottolineato come i costi decrescenti rappresentino un fattore ad oggi indispensabile per l’espansione del settore.

La domanda che viene da porsi ora è: “Visti questi risultati, rispetto alla domanda italiana, a quanto potrà arrivare il nostro fotovoltaico nei prossimi cinque anni?

L’importanza della manutenzione degli impianti fotovoltaici

Pulizia Impianti fotovoltaici
Pulizia Impianti fotovoltaici

I sistemi fotovoltaici sono impianti elettrici che permettono di trasformare direttamente l’energia solare in energia elettrica e necessitano di una regolare manutenzione che li mantenga funzionanti e in sicurezza.
L’origine del termine “manutenzione” pone le sue radici nel latino manutentiònem (mànus – tenere con mano e tentiònem – conservare, duri a lungo). Manutenzione che per gli impianti fotovoltaici vede nella pulizia uno dei suoi aspetti basilari: già perché proprio quest’ultima sta alla base dell’investimento sul fotovoltaico e rappresenta di fatto una vera e propria assicurazione sul futuro. Basti pensare che un impianto sporco rende meno deteriorandosi più rapidamente e il prezzo della sua pulizia è nettamente inferiore alla perdita dovuta allo sporco depositato sui moduli.
Tutti concetti che sembrano incentrati su un argomento di per sé banale, eppure sempre di attualità: quante volte infatti capita di imbattersi in episodi dove è palese la poca conoscenza degli impianti da parte di alcuni proprietari? La convinzione che il tutto funzionerà per vent’anni senza la necessità di alcun intervento è infatti il più delle volte deleteria.
Gli inconvenienti possono capitare e possono essere legati ai materiali che sono stati utilizzati nella costruzione dell’impianto stesso; si assiste per esempio a situazioni di degrado dei moduli fotovoltaici causati da errati processi costruttivi in fabbrica oppure al cosiddetto fenomeno del PID (Potential Induced Degradation) ossia la degradazione delle prestazioni determinata dall’elevato potenziale del polo negativo rispetto a terra.
Concludendo quindi la corretta manutenzione non deve essere indirizzata verso la risoluzione di possibili problematiche; l’obiettivo deve essere quello di prevedere la pianificazione di accorgimenti finalizzati alla massimizzazione dell’efficienza dell’impianto già realizzato e in esercizio.

Scopri tutti i prodotti Helios Solutions dedicati alla pulizia degli impianti fotovoltaici.

Conosciamo meglio i Filtri Resina di Helios Solutions

Filtro a resina
Filtro a resina

Le resine a scambio ionico hanno sostituito in larga parte l’uso delle zeoliti e oggi trovano largo impiego in varie applicazioni di ingegneria chimica, in particolare nei processi di demineralizzazione. Ciò è molto importante per quanto riguarda l’acqua, avendo quella demineralizzata un potere pulente quattro volte superiore a quella comune .

I filtri a resine di Helios Solutions permettono di produrre acqua purificata deionizzata da utilizzare come un potente detergente. La detersione avviene grazie alle proprietà elettriche di questo liquido che, comportandosi come un bipolo elettrico, cattura il materiale presente sulle superfici e trova la sua naturale applicazione nella pulizia dello sporco e del calcare depositato sui pannelli fotovoltaici.

I filtri demineralizzanti, con capacità che variano dai 4000 lt ai 1200 litri di acqua, sono dotati di apposito carrello con ampie ruote in gomma per facilitarne il trasporto. Non necessitano di corrente elettrica e sono utilizzabili direttamente in loco.
Un aspetto molto importante riguarda poi la loro manutenzione; nel seguente video potrete vedere chiaramente come avviene la procedura della sostituzione della resina: https://www.youtube.com/watch?v=aDAxA6pLz74

Scopri tutti i filtri acqua su Helios Solutions.